Terrificante storia vera di Beast of Jersey che ha superato in astuzia la polizia in 14 anni di stupro prima che la cattura accidentale rivelasse la sua casa degli orrori

Storie Di Vita Reale

Era quasi mezzanotte quando la quindicenne stava tornando a casa da una serata fuori.

Era quasi arrivata a casa quando improvvisamente un uomo l'afferrò per la gola e le fece stringere le mani sopra la testa.



Poi le legò le mani e la spinse su un bordo erboso.

In seguito ha raccontato: 'Non riuscivo a respirare e lui mi ha detto di non urlare. Poi mi ha messo una corda intorno al collo e mi ha tirato in piedi».

L'uomo ha poi attaccato un'altra corda a quella che le legava le mani e le ha legato i piedi in modo che fosse legata.



Poi se ne andò.

Si era appena liberata quando era tornato.

Edward Paisnel la 'Bestia di Jersey'

Edward Paisnel, la 'bestia di Jersey' che ha portato a termine una serie di orribili attacchi contro bambini e adulti negli anni '60 e '70 (Immagine: SWNS)



La maschera di gomma indossata da Paisnel durante i suoi attacchi sessuali (Immagine: Daily Mirror)

L'abito di Paisnel, come mostrato su un modello (Immagine: Daily Mirror)

Braccialetti in stile Paisnel con viti che sporgono per allontanare chiunque cerchi di trattenerlo (Immagine: Daily Mirror)

I chiodi sono stati cuciti nel cappotto che Paisnel indossava durante gli attacchi. In seguito ha detto che era per impedire a chiunque di afferrare e sfuggire alla cattura (Immagine: Daily Mirror)

L'ha riportata nel punto in cui è stata attaccata per la prima volta, l'ha bendata e poi le ha tenuto qualcosa contro il viso e le ha detto che questo è un proiettile avvelenato.

Poi l'ha aggredita sessualmente.

Era un modus operandi disgustosamente familiare alla polizia.

La 'Bestia di Jersey' aveva colpito di nuovo, proprio come aveva fatto tante volte quando aveva terrorizzato le Isole del Canale tra il 1957 e il 1971.

Tuttavia, quel MO ripetuto non è qualcosa che sarebbe immediatamente chiaro da un nuovo film che usa i crimini della bestia della vita reale - Edward Paisnel - come 'ispirazione'.

Il nuovo e potente thriller psicologico Beast sfuma deliberatamente i confini tra verità e finzione, riecheggiando elementi della vita e dei crimini di Paisnel ma costellandoli attraverso una trama separata

freddie mercurio paul prenter

L'attrice Jessie Buckley interpreta Moll soffocata dalla madre che perde la testa per un misterioso estraneo che mostra interesse per lei quando i suoi la ignorano virtualmente a favore di sua sorella.

Jessie Buckley, a sinistra, e Johnny Flynn si trasformano in potenti performance in un 'Beast' sospetto e il suo amante (Immagine: Dispensa ad uso gratuito)

Nel film, Flynn interpreta Pascal Renouf, un furfante tuttofare che fa la corte a Moll.

Edward Paisnel e famiglia. (Immagine: Raccogliere)

La casa di Edward Paisnel dove viveva con sua moglie Joan Paisnel (Immagine: Daily Mirror)

Joan Paisnel nel suo giardino nel Jersey, una settimana dopo che Edward è stato incarcerato per 30 anni per i suoi crimini (Immagine: Daily Mirror)

Ma un serial killer è latitante sull'isola e presto il sospetto cade sul suo nuovo uomo, il che la mette in contrasto con la sua famiglia, i suoi amici e tutti gli altri.

Beast è ambientato nel Jersey, dove è cresciuto il regista Michael Pearce, ugualmente elettrizzato e spaventato dalle storie sussurrate di un aggressore sessuale seriale libero sull'isola mentre stava crescendo.

Ricorda a metà i racconti della presa di Paisnel sull'isola.

Indossando una parrucca, una maschera di gomma e braccialetti di stoffa fatti in casa con chiodi sporgenti, Paisnel attaccava donne sole, spesso alle fermate degli autobus remote, e le violentava nei campi.

Nel corso del tempo, man mano che la sua fiducia cresceva, iniziò a entrare nelle case di famiglia di notte dove violentava i suoi obiettivi, dopo aver studiato il bersaglio ossessivamente nel tempo per essere sicuro della loro routine e dei loro movimenti.

Ha attaccato donne, ragazze e ragazzi e, a quanto pare, ha persino usato l'accesso a una casa per bambini per alimentare la sua depravazione.

In un attacco, che è stato successivamente riferito durante il suo processo, una madre ha raccontato di essere stata aggredita insieme alla figlia di 14 anni.

Ha detto: 'Ho sentito qualcuno nel soggiorno.

'Un uomo è apparso e mi ha afferrato.'

Alphonse Le Gastelois, lavoratore agricolo e pescatore di Jersey, accusato ingiustamente di una serie di violenze sessuali su bambini (Immagine: Daily Mirror)

Alphonse Le Gastelois è fuggito da Jersey nel 1961 per vivere in esilio autoimposto sulla remota barriera corallina di Ecrehous nel timore della sua sicurezza dalla gente del posto (Immagine: Daily Mirror)

Alphonse Le Gastelois nella foto sulla barriera corallina di Les Ecrehou dopo aver ricevuto il verdetto via radio che ha cancellato il suo nome al di là di ogni dubbio (Immagine: Daily Mirror)

Le legò le mani. Mentre la stava imbavagliando, è riuscita a gridare a sua figlia di chiudersi a chiave in una camera da letto.

Ma è uscita perché 'sapeva che c'era qualcosa che non andava'.

La madre si liberò e corse urlando in una fattoria vicina per chiedere aiuto, ma non ottenne risposta.

Quando tornò a casa, sua figlia se n'era andata.

'Sono corsa giù per il viottolo chiamandola,' disse, 'ma è stato inutile.'

Quando la madre tornò a casa, sua figlia era lì. Ha detto: 'Sono stata violentata, ma grazie al cielo'. Madre, sei viva».

Un ragazzo ha anche detto all'udienza nel 1971 che un uomo con un coltello lo ha preso dal suo letto quando aveva nove anni e lo ha aggredito.

Le vittime hanno riferito che il loro aggressore indossava una corda o una corda intorno alla vita e spesso tratteneva le persone legando loro le mani.

Tutti hanno descritto l'aggressore come un odore di muffa e con un accento irlandese.

Ha seguito uno schema mettendo una corda intorno al collo della vittima e usando la posizione di un campo per l'assalto.

La moglie di Paisnel, Joan, ha scritto un libro dopo il suo processo e molti hanno speculato sulla sua complicità nei suoi crimini

Paisnel in custodia di polizia scortato, coperto e ammanettato, all'ufficio del registro dell'isola di Wight per sposare la sua ragazza, Florence Hawkins (Immagine: Daily Mirror)

Joan Paisnel era la moglie della Bestia del Jersey, che afferma di non essere a conoscenza dei suoi crimini nonostante la loro relazione (Immagine: Daily Mirror)

Il suo viso era sempre coperto, con una maschera o un foulard che ne copriva una parte.

Nonostante i ripetuti appelli di aiuto e l'interrogatorio di 30.000 persone, l'aggressore, soprannominato 'La Bestia del Jersey', è sfuggito alla cattura.

Ad un certo punto i sospetti per gli attacchi caddero inizialmente su un eccentrico lavoratore agricolo e pescatore, Alphonse Le Gastelois, che fu arrestato ma rilasciato per mancanza di prove.

Tuttavia il sospetto pubblico rimase così forte che Le Gastelois' cottage è stato bruciato in un incendio doloso e temendo per la sua vita è fuggito in un piccolo gruppo di isole chiamato Les Écréhous dove ha trascorso 14 anni in esilio volontario vivendo della terra e aragoste.

Poi, nel 1966, la polizia del Jersey ricevette una strana lettera da qualcuno che affermava di essere la Bestia del Jersey. Legge:

che interpretava cilla black

Mio caro signore,

Penso che sia il momento giusto per dirti che stai solo sprecando il tuo tempo, poiché ogni volta che ho fatto ciò che ho sempre voluto fare e ricorda che non si fermerà a questo, ma sarò giusto con te e ti darò una possibilità. Non ho mai avuto molto da questa vita, ma ho intenzione di ottenere tutto ciò che posso ora... ho sempre voluto fare il crimine perfetto. L'ho fatto, ma questa volta lascia che la luna brilli molto britta a settembre perché questa volta deve essere perfetta, non una ma due. Non sono un maniaco per niente, ma mi piace giocare con voi gente. Avrai mie notizie prima di settembre e ti darò tutti gli indizi. Solo per vedere se riesci a prendermi.

Distinti saluti

Aspetta e vedi

Poi è arrivato un intervallo di quattro anni fino al suo prossimo attacco - su un ragazzo di 13 anni che è stato rapito da casa sua e aggredito.

Il ragazzo ha offerto la descrizione ormai comune di quello che era successo e ha detto che il suo aggressore aveva i capelli neri a punta e indossava una maschera terrificante.

Il ragazzo aveva anche degli strani graffi sul viso e sul corpo come quelli trovati su un'altra vittima.

Sarebbe passato poco meno di un anno prima che Paisnel venisse catturato.

Una notte nel luglio 1971 Paisnel saltò un semaforo rosso in un'auto rubata e fu notato dalla polizia.

Hawkins ha visitato Paisnel in prigione e ha dimostrato che era con lei al momento in cui era stato commesso uno dei reati (Immagine: il popolo)

Hawkins lascia l'ufficio del registro dell'isola di Wight dopo aver sposato Paisnel nel 1989 (Immagine: Daily Mirror)

Florence Ashcroft Hawkins, una zitella, ha aspettato 18 anni per sposare Paisnel - cosa che alla fine ha fatto con lui in prigione (Immagine: Daily Mirror)

Edward Paisnel con una donna sconosciuta (Immagine: Raccogliere)

Leggi di più

Serial killer che violentano, uccidono e persino fanno a pezzi e mangiano le loro vittime
Il vampiro di Brooklyn Squartatore dello Yorkshire Joanna Dennehy Assassino di magia nera Suradji

Lo hanno inseguito per le strade a velocità fino a 75 miglia all'ora prima che la sua auto si schiantasse contro una recinzione in un campo di pomodori.

Paisnel ha dato la caccia, ma è stato abbattuto da un placcaggio di rugby da un ufficiale di polizia e quando hanno perquisito Paisnel, hanno scoperto che indossava polsini elastici tempestati di chiodi affilati.

Sulle spalle del suo cappotto c'erano imbottiture di gommapiuma munite anche di chiodi e nelle sue tasche c'erano una maschera di gomma, una parrucca, due pezzi di corda, una corda del pigiama e un cerotto color pelle.

Interrogato dalla polizia, ha detto loro: vado a una festa del sesso.

Quando la polizia ha perquisito la sua casa, hanno trovato una stanza segreta in casa.

All'interno della stanza erano appesi diversi indumenti vecchi, tra cui una tuta da ginnastica blu e un vecchio impermeabile tempestato di chiodi fulvi, parrucche e cappelli fatti in casa e sopracciglia finte.

Come il Mirror ha denunciato i crimini (Immagine: Daily Mirror)

C'era una macchina fotografica appesa a un gancio e diverse fotografie di varie case. C'erano anche diversi oggetti di magia nera, un altare di magia nera fatto in casa costituito da un'alcova coperta da una tenda rossa.

C'era una biblioteca considerevole sui rituali occulti e di magia nera, e una spada di legno ricurva molto grande appesa al muro sopra un calice di vetro.

Un articolo del Daily Mirror ha dichiarato: 'Quando si è confrontato con una croce fatta di rafia, gli occhi di Paisnel si sono gonfiati, il suo viso è diventato rosso e ha iniziato a tremare e a ridacchiare.

khloe kardashian oj simpson

Si dice che Paisnel abbia detto: 'Il nostro maestro riderebbe molto a lungo e forte di questo.

«Non ho paura della croce.

«C'è un emblema molto più potente di quello. Il nostro bozzolo sta diventando più grande. Il tuo mondo si sta restringendo.'

È emerso che ha fotografato case che aveva designato come bersagli per attaccare i bambini, a volte con anni di anticipo .

Ha poi conservato queste fotografie come trofei dei suoi crimini.

All'età di 46 anni, imprenditore edile molto conosciuto in tutta l'isola, Paisnel era sposato con una figlia e due figliastri.

Il suo unico problema con la legge è stato quando ha scontato un mese di reclusione durante l'occupazione tedesca dell'isola nella seconda guerra mondiale per aver rubato cibo da distribuire alle famiglie affamate.

Il nuovo film è vagamente basato sulla storia di Paisnel, mescolando dettagli reali del caso con una storia di fantasia

Paisnel, coperto e ammanettato, lascia il tribunale ed entra in un furgone della polizia dopo essere stato dichiarato colpevole (Immagine: Daily Mirror)

L'ispettore George Shutler, che era incaricato del caso contro Edward Paisnel (Immagine: Daily Mirror)

I membri della corte visitano la casa di Edward Paisnel durante il processo (Immagine: Daily Mirror)

PC Johnny Riseborough (30) che ha arrestato Edward Paisnel dopo un inseguimento in auto che si è concluso con un incidente attraverso una siepe. Ha comprato Paisnel con un placcaggio da rugby (Immagine: Daily Mirror)

Emile Paisnel, il padre di Edward Paisnel, parla con la polizia durante il processo (Immagine: Daily Mirror)

Sua moglie, Joan, aveva gestito una casa adottiva per bambini chiamata La Preference, e ha incontrato Paisnel quando ha aiutato come tuttofare lì.

I bambini lo conoscevano come lo zio Ted, che aveva sempre dolci e regali per loro, giocava con loro e si travestiva da Babbo Natale ogni anno per distribuire regali ai bambini a casa.

È emerso dopo il suo arresto che aveva avuto un accento irlandese mentre commetteva attacchi per travestirsi e lasciava cadere pacchetti di sigarette e forniva dettagli fuorvianti casuali su se stesso alle sue vittime.

Paisnel non aveva mai spiegato cosa lo abbia spinto a uscire e commettere gli attacchi terrificanti e selvaggi che ha fatto e quando gli è stato chiesto di qualsiasi cosa ha dato e balbettando risposte che sono scese in discorsi di maledizioni, congreghe e accenni al coinvolgimento della magia nera.

La lettera inviata alla polizia si è deciso provenisse da lui, dopo che sua moglie Joan ha riconosciuto la calligrafia, ma non ne ha mai parlato.

Al suo processo nel novembre 1971 ci vollero solo 38 minuti perché la giuria emettesse un verdetto di colpevolezza per 13 capi di imputazione per aggressione, stupro e sodomia.

Fu condannato a trenta anni di reclusione e impugnato senza successo.

È stato rilasciato nel 1991 dopo essere stato un prigioniero modello ed è tornato nel Jersey, ma è stato perseguitato e si è trasferito nell'isola di Wight, dove è morto per un attacco di cuore nel 1994.